Studentessa si ammala di meningite: “Il vaccino mi ha salvata”



ROMA – Un appello sull’importanza di vaccinarsi che ha scosso le coscienze di molti. Benedetta Rosatello è una ragazza di 19 anni nata a Lagnasco in provincia di Cuneo, studentessa all’università di Padova. Nei primi giorni di gennaio è stata colpita dalla meningite e ricoverata, prima all’Ospedale S. Antonio, poi all’Azienda ospedaliera di Padova. Benedetta ora sta bene e in un post su Facebook del 13 gennaio, diventato virale nelle ultime ore, racconta quello che ha vissuto e l’insegnamento che ha tratto dalla sua esperienza.

“Sono stata colpita una settimana fa da meningite batterica da meningococco di ceppo B, una forma piuttosto rara e, nella maggior parte dei casi, fulminante. Ancora non avevo il vaccino per il ceppo B nello specifico – scrive Benedetta – ma ero già protetta grazie al tetravalente contro i ceppi A, C, Y e W. Con ogni probabilità, proprio questo mi ha salvata concedendomi il tempo di arrivare in ospedale dove ho potuto iniziare da subito le cure necessarie”.

E “sebbene non ci sia evidenza che il vaccino polivalente protegga contro gli altri ceppi, le parole di Benedetta danno un messaggio positivo che è bene diffondere”, commenta Giovanni Rezza, direttore del Dipartimento di Malattie infettive dell’Istituto superiore di sanità, intervenendo sulla vicenda.

Continua a scrivere la studentessa: “Sono convinta che sia importantissimo tutelare noi stessi e la nostra famiglia, perché ogni vita vale la pena di essere vissuta e trovo assurdo che, nonostante gli enormi progressi raggiunti in campo medico, si continui ad essere restii e diffidenti. Nessuna scienza è esatta, ma ciò non significa che bisogna rifuggire in toto i potentissimi strumenti di prevenzione sanitaria di cui siamo in possesso”.

E precisa: “La mia intenzione, con questo post, non è fare discorsi “politicizzati”. Rispetto le idee di tutti, così come pretendo che vengano rispettate le mie. Desidero semplicemente gettare un po’ di luce sulla mia vicenda”.

“Concludo ringraziando tutti i medici e gli infermieri che in questi giorni si sono presi cura di me in maniera impeccabile; i miei coinquilini, Francesco, Sonia e Chiara, che mi hanno salvato la vita portandomi tempestivamente in ospedale, e tutti gli amici e famigliari che, standomi accanto, mi hanno dato la forza di combattere contro la mia malattia”.

 


La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I VOSTRI SITI WEB

Cerchi un sito web ? www.riparazionepcnapoli.it
Cerchi un autonoleggio per fittare la tua auto? www.autonoleggioeconomico.com
Cerchi un fioraio a Napoli? www.fioristigranato.it
Cerchi un servizio di assistenza Caldaie a Firenze? www.ecaldaie.com/blog
Cerchi un Cartomante al telefono? www.cartomanzia-basso-costo.net
Cerchi un esoterista online? www.incantesimidamore.eu
Cerchi un esperto fabbro idraulico o elettricista? www.prontocasas24h.it/pronto-intervento
Cerchi un esperto fabbro a Firenze?
Fabbro a Firenze

Mobili Su Misura economici
Realizzazione siti internet
https://cornetteriafirenze.it/servizi/

Cialde caffè e capsule compatibili

Acquisti