Sarri prova a calmare le acque: ‘Aveva ragione Kepa, ero furioso e non avevo capito la situazione. Non ci siamo capiti’ | Estero



Il clamoroso episodio che ha visto coinvolti Maurizio Sarri e Kepa, rispettivamente allenatore e portiere del Chelsea, al termine dei tempi regolamentari della finale di Coppa di Lega poi persa contro il Manchester City e che ha visto l’estremo difensore spagnolo rifiutarsi di uscire dal campo, è stato poi spiegato a Sky Sport dallo stesso Sarri che ha provato a calmare le acque.

MALINTESO – “È colpa mia che non avevo capito bene qual era il problema e solo quando il medico è arrivato in panchina ho capito la situazione. Avevo capito che Kepa avesse i crampi e non ce la facesse ad arrivare ai rigori, ma poi quando è tornato il medico mi ha detto che non c’era problema e che si poteva continuare. Perchè sono andato quasi negli spogliatoi? Avevo bisogno di tornare calmo. Kepa aveva capito che il cambio era di natura fisica e ha detto che lui stava bene. Aveva ragione lui. Se gli ho parlato? Sì, ma solo per chiarire la situazione e spiegargli che non avevo capito il problema”.