Samp, il Cagliari ti costa 35 milioni: non solo Audero, scatta l’obbligo per Jankto | Mercato




I tre punti con il Cagliari sono costati davvero cari alla Sampdoria, che dalla partita di domenica scorsa torna con una certezza: sono scattati due riscatti da 35 milioni complessivi, quello di Emil Audero e pure quello di Jakub Jankto. Per il portiere, come noto, sono serviti 20 milioni che andranno a rimpinguare le casse della Juventus. A comunicarlo è stato lo stesso club bianconero, con una nota ufficiale. Obbligo di acquisizione a titolo definitivo, pagabile nei prossimi quattro esercizi da parte del club blucerchiato.

Affine il discorso per Jankto. Nel contratto stipulato in estate con l’Udinese era stato inserito l’obbligo di riscatto per il ceco a 15 milioni di euro al “terzo punto realizzato dalla Sampdoria successivamente alla data del 1° febbraio 2019“. Risultato che i blucerchiati hanno ottenuto proprio domenica. Secondo Il Secolo XIX le acquisizioni inserite nei due contratti sono in realtà equiparabili a degli acquisti a titolo definitivo, però ‘camuffati’ in modo da pesare sui conti relativi al 2019, e non su quelli del 2018.  Jankto e Audero si classificano al terzo e al secondo posto tra gli acquisti più costosi dell’era Ferrero, alle spalle del solo Duvan Zapata. Su Jankto inoltre emerge anche in queste ore un interessante retroscena di mercato. A gennaio il suo procuratore, Giuseppe Riso, aveva sondato la possibilità di trasferire il giocatore in un’altra squadra in modo tale da fargli recuperare il minutaggio che non aveva avuto a disposizione nel girone di andata con Giampaolo. Ad opporsi in maniera netta e decisa però era stata l’Udinese, che non voleva rinunciare ai 15 milioni previsti con la Samp, utili per restituire una boccata di ossigeno ai conti del club bianconero.



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *