Samp: Defrel, che riscatto in campo da trequartista dopo l’incidente! E la Roma… | Serie A




Dopo l’incidente stradale in stato di ebbrezza di domenica notte, per Grégoire Defrel poteva aprirsi uno scenario difficile alla Sampdoria. Inevitabile multa a parte, quanto accaduto è sembrato allontanare irrimediabilmente la possibilità del riscatto da parte della Samp, che per acquisire completamente il cartellino dell’attaccante francese dovrebbe pagare 18,5 milioni di euro alla Roma in estate. Proprio nel momento peggiore della sua stagione, però, Defrel ha vissuto questo pomeriggio sul campo del Sassuolo un altro tipo di riscatto, altrettanto importante… GIORNATA DA TREQUARTISTA – Tutto è cominciato ieri nella conferenza stampa della vigilia della trasferta emiliana. Il tecnico doriano Marco Giampaolo, pur riconoscendo ovviamente la gravità del comportamento del suo giocatore, ha tenuto ad affermare come il compito dell’allenatore non sia di valutare la vita privata dei ragazzi, bensì la loro idoneità tecnica a giocare. “Si è allenato benissimo ed è motivato”, così ha concluso il mister blucerchiato. Ed eccoci a oggi: il match del Mapei Stadium. Per la Sampdoria c’è un rebus tattico da risolvere: sono infortunati sia Saponara che Ramirez, bisogna adattare qualcuno a trequartista. In lizza ci sono Praet (con Jankto promosso titolare in mediana) e proprio Defrel. Alla fiducia a parole, Giampaolo fa seguire quella coi fatti: è Defrel a doversi trasformare per 90 minuti più recupero, da guizzante seconda punta a rifinitore alle spalle di Gabbiadini e Quagliarella. E il 27enne Grégoire ripaga alla grande la fiducia del suo allenatore: sblocca il risultato al quarto d’ora, appoggia l’assist a Linetty per l’1-3 e in generale offre una prestazione di sostanza, prima di essere sostituito al 67′ a vittoria ormai in cassaforte. Se il riscatto in termini di mercato è faccenda da discutere nei prossimi mesi, quello personale si è materializzato meravigliosamente sul campo del Sassuolo.



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *