Parmamania: una grande batosta e l’occasione per rialzarsi subito | Serie A




Un’altra sconfitta, al Tardini, contro una grande squadra come il Napoli di Ancelotti. Fin qui tutto è chiaro. Partita senza storia, Parma mai al centro del match per tutti i novanta minuti. Un altro KO al Tardini, lo stadio che dovrebbe essere il fortino dei crociati. Un’altra prestazione opaca in cui pochi giocatori si salvano, arrivando a guadagnarsi una misera sufficienza. Ma sono le batoste così che aiutano le squadre a rialzarsi. Soprattutto le squadre come i crociati, abituate a soffrire prima di colpire. Abituate a lottare nelle serie inferiori per guadagnarsi la massima categoria dopo quattro anni dalla rinascita. Se il Parma soffre, trova sempre la strada per uscire dalle sabbie mobili.

È successa la stessa cosa lo scorso anno a Empoli, quando Caputo e company rifilarono quattro reti al Parma in Serie B. Da quel giorno di febbraio cominciò il campionato dei ducali, lanciati verso la Serie A vivendo l’incubo playoff giorno dopo giorno. Poi gli spareggi non si sono giocati grazie alla splendida serata di La Spezia.  I gialloblu sapranno uscirne centrando l’obiettivo salvezza il prima possibile. Proprio il prossimo impegno vedrà i crociati in Toscana contro l’Empoli. Sabato pomeriggio ci sarà l’occasione per dimenticare la serata amara come se dovesse cominciare un nuovo campionato per gli undici di D’Aversa. I primi a crederci sono i tifosi del Parma che sul risultato di 0-4 in favore del Napoli continuavano ad incitare la squadra. La sfida salvezza non è ancora compiuta ma non manca molto. L’ultimo sforzo gialloblu crociato passa per sfide contro Empoli e Genoa. Partite da non fallire per scacciare i fantasmi della crisi di febbraio. A Empoli bisognerà andare per imporre il proprio gioco per raggiungere la vittoria. 



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *