Milan, la pubalgia condiziona Suso: per Gattuso è un problema da risolvere | Primapagina




Lo ha ammesso Gattuso nella pancia dell’Olimpico: il Milan, ieri sera contro la Lazio, non ha giocato una bella partita dal punto di vista tecnico. Ha ottenuto un risultato che lascia aperto il discorso qualificazione, ma si interroga sulle condizioni di un Suso che rischia di diventare un problema. Il numero 8 rossonero è stato il peggiore in campo, lontano parente del giocatore che dispensava gol e assist nella prima parte di stagione.

PROBLEMA PUBALGIA – Impalpabile, emarginato e mai capace di saltare l’uomo. Ha perso palloni banali che hanno spesso innescato il contropiede della Lazio. Suso non sta bene, questo è evidente a molti. Ancora alle prese con la pubalgia, che lo condiziona e non gli permette di allenarsi come chiede il tecnico Gattuso. Dopo il gol messo a segno contro il Genoa il 21 gennaio, l’ex Genoa nelle altre 5 partite non è riuscito a lasciare il segno. I dubbi sono di natura fisica ma anche caratteriale: troppo spesso nelle ultime stagioni lo spagnolo alterna momenti di massimo splendore a lunghe pause che coincidono con la parte centrale della stagione. E’ anche un discorso di mentalità, perché dal folletto di Cadice ci si aspetta quello scatto in avanti che gli faccia guadagnare lo status di campione e non solo di giocatore importante.  CON IL SASSUOLO CASTILLEJO? – Seguendo il modus operandi di Gattuso, difficilmente Suso non partirà dal primo minuto contro il Sassuolo sabato pomeriggio a San Siro. Nelle difficoltà, il tecnico non abbandona mai i suoi giocatori ma li aspetta come fatto con Hakan Calhanoglu. Il Milan da lui si aspetta ben altro tipo di prestazione già a partire dall’incrocio, decisivo, contro i neroverdi che sarà giocata come se fosse una finale. E farlo senza il miglior Suso rischia di diventare delittuoso. Samu Castillejo, dal canto suo, gode di un’ottima condizione fisica e mentale, pronto eventualmente a essere chiamato in causa anche a partita in corso. 



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *