L’influenza fa impennare le vendite dei farmaci di automedicazione



I FARMACI di automedicazione si rimettono in buona salute. In linea con le previsioni, il 2018 si è chiuso con la conferma di un buon andamento delle vendite, il migliore dal 2015. Secondo le elaborazioni di Assosalute, Associazione nazionale farmaci di automedicazione, su dati Iqvia, i fatturati pari a quasi 2,5 miliardi di euro, sono in crescita del 2,7% mentre i consumi – poco più di 277 milioni di confezioni – restano sostanzialmente stabili, per quanto di segno negativo, rispetto al 2017 (-0,4%).

In particolare, dopo un biennio di fatturati e consumi in diminuzione, il mercato dell’automedicazione mostra segnali di ripresa per via della maggiore diffusione delle sindromi influenzali e da raffreddamento nella stagione influenzale 2017-2018 che ha registrato l’incidenza più elevata dal 2004-2005. L’andamento dei consumi conferma come i trend del mercato dei farmaci senza obbligo di prescrizione siano comunque strettamente collegati sul breve periodo alla stagionalità, mentre la spesa beneficia della variazione del mix di consumo verso nuovi prodotti e nuove confezioni.

LEGGI: Influenza, quanto conta il microbioma delle vie aeree

Nonostante il mercato rilevi segnali di innovazione in termini di diversificazione dell’offerta e lanci di nuovi prodotti, risente però strutturalmente sia della diversa propensione alla spesa out of pocket tra il Nord e il Sud del Paese, sia della mancanza dell’allargamento dell’offerta a nuove aree terapeutiche e a principi attivi non ancora disponibili come farmaci Otc in Italia, a differenza di quanto avviene in molti altri Paesi europei.

LEGGI – Influenza, raffreddore o colpo di freddo? Tutte le dritte per capirlo
LEGGI: Freddo inverno: istruzioni per l’uso contro influenza e malanni invernali


La Repubblica si fonda sui lettori come te, che ogni mattina ci comprano in edicola, guardano il sito o si abbonano a Rep:. È con il vostro contributo che ogni giorno facciamo sentire più forte la voce del giornalismo e la voce di Repubblica.

Mario Calabresi
Sostieni il giornalismo!
Abbonati a Repubblica

Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *