Juve, Romero come Caldara: nuovo incontro col Genoa per chiudere | Primapagina




Genoa-Juventus, un asse di mercato che funziona. Sono tante le operazioni concluse tra rossoblù e bianconeri negli ultimi anni, da Sturaro (andata e ritorno) a Perin, passando per Favilli. Un elenco di cui, presto, entrerà a far parte anche Cristian Romero, uno degli ultimi talenti lanciati dalla società di Enrico Preziosi, già pronto a mettere a bilancio l’ennesima plusvalenza della sua gestione.

AFFARE ALLA CALDARA – Proprio la Juve è stata la prima squadra a mettere gli occhi su Romero, dopo averlo visto all’opera da vicino nella sfida dell’Allianz Stadium del 20 ottobre, giorno d’esordio per l’argentino in Serie A. Una gara in cui se l’è dovuta vedere con gente del calibro di Cristiano Ronaldo, Mandzukic e Dybala, riuscendo a non sfigurare. Da lì i primi contatti tra le due società, con Fabio Paratici che fin dall’inizio aveva in mente di provare a ripetere la brillante operazione fatta con l’Atalanta per Caldara, ovvero bloccare il giocatore subito, prima che il prezzo salga alle stelle, per poi lasciarlo crescere con calma. INCONTRO PER CHIUDERE – Gennaio è stato il mese in cui l’attuale responsabile dell’area sport bianconera ha schiacciato il piede sull’acceleratore: nei tanti incontri avuti in centro a Milano col dg del Genoa, Giorgio Perinetti, e col presidente Preziosi non si è parlato solo del ritorno di Sturaro nel capoluogo ligure, ma anche di Romero. Operazione impostata, con un accordo sulla valutazione di 30 milioni di euro del classe ’98, ma non ancora ratificata. “Romero giocherà nella Juve”, l’ammissione dello stesso Perinetti, che nelle prossime settimane si risiederà a un tavolo con Paratici per definire tutti i dettagli che porteranno l’ex Belgrano a diventare bianconero in un’estate che vedrà una vera e propria rivoluzione nella difesa, ma che con ogni probabilità rimanderà di almeno un anno l’inizio sul campo della sua avventura alla Juve.



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *