Genoa, Pandev l’eterno: ‘Ancora un anno e poi smetto’ | Mercato




Una lunga intervista Goran Pandev è presente questa mattina sulle pagine del Secolo XIX. La chiacchierata tra il trequartista macedone del Genoa e il giornalista del quotidiano inizia con il riferimento ha l’ovulazione che lo ha accolto al momento del suo ingresso in campo domenica a Marassi contro la Lazio: “Viol dire che i tifosi apprezzano il mio comportamento, in campo e fuori. Non è facile giocare poco ed entrare subito in partita, soprattutto alla mia età, ma con Bessa abbiamo aiutato la squadra. Siamo stati bravissimi a recuperare. Bella la gioia della gente e 3 punti importanti”.

Dopo aver cominciato la stagione da titolare inamovibile, con l’addio di Ballardini alla panchina del grifone l’annata di Pandev si è fatta più difficile: “E poi sono andato fuori… (ride)… non so, da tanto tempo è così, anche quando sto bene qualche volta non gioco e non so perché, non l’ho capito neanche io (ride). Juric ha cambiato modulo e ho iniziato a stare fuori, però l’ho presa tranquillamente. E anche ora non è un problema per me, devi solo allenarti sempre al 100% e farti trovare pronto. Ho maturità, esperienza, e poi è stata sempre la mia forza stare tranquillo nei momenti duri. Certo, se a 35-36 anni sei contento di non giocare devi smettere, finché giochi vuoi giocare sempre, ma capisco club e allenatore. Il Genoa punta sui giovani, fa bene: sono felice se esce un Piatek o un altro che fa crescere il club. Se ti mettono fuori a 35 anni, dopo che hai fatto tanti gol in A, e hai vinto qualcosa di importante, non è semplice. Ma so che prima o poi l’occasione arriva, qui sto bene, e la cosa importante è che mi diverto”. Nel futuro prossimo di Pandev potrebbe esserci addirittura un ruolo come presidente della Federcalcio macedone: “Sì, ma ho detto che se riesco gioco un altro anno, qui o altrove, vediamo. Vorrei chiudere all’Europeo con la Macedonia. Ma se non ce la farò più sarò il primo a dire basta”.



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *