Deulofeu alla Messi: è nella storia del Watford, il Milan continua a pensarci | Primapagina




Certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano“. Quante volte, nel calciomercato, abbiamo sentito questa frase, tratta da “Amici mai” di Antonello Venditti. Una citazione che piace molto ad Adriano Galliani e ora si può legare a uno dei suoi ultimi colpi da amministratore delegato del Milan: Gerard Deulofeu. Arrivato in rossonero nel gennaio 2017, in sei mesi l’esterno spagnolo era stato protagonista della rincorsa dell’allora squadra di Montella all’Europa League, con quattro gol e tre assist in 17 presenze. A fine stagione, il Barcellona decise di attivare la clausola di recompra per portarlo nuovamente al Camp Nou, salvo poi cederlo al Watford sei mesi dopo.

NELLA STORIA, COME MESSI – Negli Hornets, Geri è diventato in breve tempo uno dei giocatori più importanti e ieri sera ha centrato un traguardo che lo ha fatto entrare nella storia: la tripletta realizzata al Cardiff è la prima segnata da un calciatore del Watford in Premier League. Una prestazione da sogno, condita anche da un assist: lo stesso bottino ottenuto oggi da Leo Messi nella sfida tra Siviglia e Barcellona in Liga. IL MILAN CI PENSA – In totale, in stagione il classe ’94 ha collezionato sei gol e quattro assist in 20 presenze. Numeri che ne fanno uno dei pilastri del club della famiglia Pozzo, che infatti a gennaio ha resistito alle lusinghe di Leonardo, deciso a riportare Deulofeu al Milan. Un trasferimento che allo spagnolo avrebbe fatto molto piacere, come confermato dal suo agente a Calciomercato.com: “​Il Milan è casa sua, è un club a cui Geri tiene molto e in cui ha passato sei mesi molto buoni”. Niente da fare, a stagione in corso il Watford non poteva privarsi di lui. La situazione può cambiare però in vista dell’estate: il Mlan acquisterà almeno un esterno e, oltre a Saint-Maximin, continua ad avere Deulofeu in cima alla sua lista dei desideri. Perché, come insegna Galliani, “certi amori non finiscono…“.



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *