Dal battibecco al gol-partita: De Rossi e Dzeko certezze di un’inaffidabile Roma | Primapagina



La Roma, che non si preoccupa più di tanto delle coronarie dei suoi tifosi, ha vinto all’ultimo respiro una partita che avrebbe potuto stravincere e perfino perdere. La differenza, alla fine, l’ha fatta Dzeko che da quando gioca in Italia non aveva mai segnato al Frosinone. La doppietta del suo attaccante più nobile consente a Di Francesco di mantenere la scia del Milan e di evitare pericolose polemiche sull’affidabilità di una squadra che sembra capace di tutto e del contrario di tutto. 

Una tramontana micidiale ha tagliato a fette lo stadio Stirpe, il nuovo impianto che il Frosinone ha voluto e potuto regalarsi in pochi mesi, alla faccia degli intrighi che accompagnano da anni la costruzione dell’impianto romanista. Di Francesco ha fatto qualche calcolo considerando i prossimi impegni (derby e Porto) guardando con attenzione alla lista dei diffidati. Così Zaniolo, l’ultimo golden boy, si è accomodato in panchina insieme a Fazio e Florenzi. Impossibile, invece, rinunciare a De Rossi che ha raggiunto la duecentesima partita da capitano. Baroni ha preferito l’esperienza di Ciofani alla vivacità di Pinamonti e ha dovuto rinunciare a Paganini, romanista sfegatato, rilanciando per altro Viviani, un altro dei tanti giocatori della cantera giallorossa. 

Ciano, che si era fatto male durante il riscaldamento tanto da rischiare l’esclusione, ha aperto le danze con un gol grottesco che ha chiamato in causa tre errori contemporanei di tre romanisti: Nzonzi ha sbagliato un appoggio banale a De Rossi che a sua volta si è addormentato lasciando a Ciano un pallone invitante. Per segnare Ciano ha dovuto sfruttare anche l’incertezza di Olsen che si è lasciato scappare il pallone. 

Brutta come era stata nel primo tempo con il Bologna, la Roma ha rischiato il doppio svantaggio quando Ciano si è trovato a battere a colpo sicuro ma ha spedito il pallone in curva. Ma nel giro di 72 secondi la storia si è ribaltata con il ruggito di Dzeko, che poco prima di segnare era stato protagonista di un battibecco piuttosto animato con De Rossi a proposito di una palla restituita in modo non ortodosso al Frosinone. Goldaniga si è distratto lasciandosi anticipare dal centravanti romanista che con un destro sporco ha battuto Sportiello realizzando il primo gol della sua carriera alla squadra ciociara. 

Il raddoppio è arrivato subito con un affondo di El Sharaawy che ha propiziato la spaccata vincente di Pellegrini, felice di poter dedicare il gol alla moglie che è in dolce attesa. Dzeko, che non passerà di certo le vacanze con l’arbitro Manganiello, è riuscito a farsi ammonire dall’arbitro che lo aveva espulso a Firenze nella disfatta di coppa Italia. Di intensità soffiando alle spalle della Roma, la partita è scivolata verso la banalità fino a quando Manolas, unico difensore affidabile alla corte di Di Francesco, è uscito in barella. L’ingresso di Fazio è coinciso con la consueta follia della Roma che è riuscita a incassare un gol in contropiede da Pinamonti, che forse avrebbe meritato di giocare dall’inizio. Poco dopo Trotta ha avuto la palla del ko ma stavolta Olsen si è fatto perdonare. Fino al momento magico di Dzeko, da un’idea di De Rossi con il cross di El Sharaawy. Con la Roma non ci si annoia mai. 



IL TABELLINO:

Frosinone-Roma 2-3 (primo tempo 1-2) 

Marcatori: 5′ p.t. Ciano (F), 30′ p.t. Dzeko (R), 31′ p.t. Pellegrini (R), 35′ s.t. Pinamonti (F), 49′ s.t. Dzeko (R). 

Assist: 31′ p.t. e 39′ s.t. El Shaarawy (R), 35′ s.t. Ciano (F). 

FROSINONE (3-5-2): Sportiello; Goldaniga, Salamon, Capuano; Zampano, Chibsah (31′ s.t. Trotta), Viviani, Cassata, Beghetto (14′ s.t. Molinaro); Ciano, Ciofani (21′ s.t. Pinamonti). All. Baroni. 

ROMA (4-2-3-1): Olsen; Santon, Marcano, Manolas (32′ s.t. Fazio), Kolarov; De Rossi, Nzonzi (20′ s.t. Cristante); Perotti (19′ s.t. Zaniolo), Pellegrini, El Shaarawy; Dzeko. All. Di Francesco.

Arbitro: Manganiello di Pinerolo. 

Ammoniti: 38′ p.t. El Shaarawy (R), 41′ p.t. Dzeko (R), 23′ s.t. Goldaniga (F), 33′ s.t. Cassata (F). 



Have any Question or Comment?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *